INNESTO FRUTTETI

NOZIONI GENERALI

L’innesto per il cambio varietale è fatto con la tecnica a CORONA. È un innesto poco invasivo per il tessuto conduttore, infatti non viene praticato nessuno spacco verticale sul fusto ma la marza si inserisce a lato del tronco. Così facendo la pianta supera con maggiore facilità un operazione colturale delicata come l’innesto. L’ elevata percentuale di attecchimento è data anche da questa caratteristica. Il momento operativo va da Aprile a Maggio ed in condizioni ottimali alla fine della stagione vegetativa si sarà sviluppato un astone di circa 2 metri.

La tecnica prevede una pre-capitozzatura alta (con la motosega si taglia il fusto della pianta 50 cm sopra il punto dove verrà eseguito l’innesto) durante il periodo invernale. Fine aprile/maggio si ricapitozza il fusto all’altezza d’innesto, circa 80 cm da terra. A livello di questo taglio si fanno due tagli verticali, si stacca il floema dal legno creando una lingua. Tra questa lingua e il legno si inserisce la marza di 3-4 gemme. Il callo che si viene a formare è molto importante e da un ottima resistenza meccanica. 

La manutenzione post-innesto è importante quanto l’innesto, durante la stagione è necessario allevare l’astone  creando il futuro fusto e forzando lo sviluppo delle branche che impalcheranno la pianta evitando che cresca il solo astone.

Time-line innesto frutteti

L’innesto in vivaio si esegue a gemma dormiente, alla fine della stagione vegetativa. Può essere eseguito anche in campo sempre nello stesso periodo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi